La ricette delle frittelle di bieta da coste

Un modo originale per cucinare le coste. La stagione di quest'ortaggio (comunemente chiamato anche bieta o bietola) va da ottobre a maggio. 

Difficoltà: MEDIA - Tempo: 35 MINUTI - Contenuto calorico: 355 Kcal a porzione 

Ingredienti (4 Porzioni): 

  • 500 g di coste
  • 1 uovo
  • 20 g di parmigiano grattugiato
  • 100 g di mollica di pane
  • 1/2 bicchiere di latte
  • un pizzico di noce moscata
  • 4 cucchiai di olio EVO
  • 1 litro di olio da frittura
  • sale quanto basta
  • pepe secondo i gusti 

Preparazione ricetta

Lavate e cuocete in acqua salata bollente le coste per 15/20 minuti fino a quando saranno ben ammorbidite. Scolatele e quando si saranno raffreddate per poterle maneggiare, sgocciolatele bene, poi tagliatele finemente aiutandovi con una mezzaluna o con un frullatore. In una ciotola mettete le coste tagliuzzate, la mollica di pane precedentemente ammollata nel latte, l’uovo intero, il parmigiano, un pizzico di noce moscata, l'olio extravergine di oliva, sale quanto basta, pepe secondo i gusti e amalgamate bene l'impasto mescolando. A questo punto formate con il composto, schiacciandolo tra i palmi delle mani, delle frittelle che farete friggere in abbondante olio già in temperatura. Servite ben calde. Le frittelle si accompagnano molto bene con salumi. 

Il CONSIGLIO DI OSTEMATTO: una corretta frittura si ottiene quando il cibo è immerso in un bagno d'olio che, raggiunta una temperatura di 160-180°C, provoca l'evaporazione dell'acqua superficiale (da qui la formazione della famosa crosta dorata) e la cottura omogenea della parte interna dell'alimento. Spesso si cade in errore friggendo in poco olio, a temperatura ancora bassa  e con molto cibo per volta. In queste condizioni si provoca un maggiore assorbimento di olio da parte del cibo che stiamo per friggere. Per testare la temperatura dell'olio fate una prova immergendo una mollica di pane: se friggerà immediatamente e vivacemente la temperatura è quella giusta! Le Kcal indicate per questa ricetta considerano un assorbimento di olio di frittura pari a 75 g.

Pin It