Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Avocado ripieni di tonno fresco. 

L'Avocado (Persea americana) è una pianta originaria dell'America Centrale, conosciuta già in epoca precolombiana. Oggi l'Avocado è diffuso in America Latina, California e Florida; nel Mediterraneo è presente principalmente in Spagna. In Italia, nonostante nelle aree meridionali vi sia un ambiente idoneo, la coltivazione è poco diffusa. 

Difficoltà: FACILE - Tempo di preparazione: 00:15 - Tempo di cottura: 00:00 - Contenuto calorico: 407 Kcal

Ingredienti (4 Porzioni): 

  • 2 avocado
  • 200 g di filetto di tonno fresco
  • 2 gambi di sedano bianco
  • 1/2 cetriolo
  • il succo di un limone
  • 4 cucchiai di olio EVO
  • sale quanto basta
  • pepe macinato secondo i gusti 

Preparazione ricetta

Tagliate gli avocado a metà nel senso della lunghezza, privateli dei semi. Scavate leggermente i frutti in modo da ingrandire lo spazio lasciato dalla rimozione del seme e tenete da parte la polpa estratta. Spruzzateli con il succo di limone per non farli annerire. In una terrina mescolate delicatamente il tonno crudo,  che avrete già tagliato in cubetti, la polpa di avocado che avete tenuto da parte, un trito composto dai gambi di sedano e dal cetriolo, un cucchiaio di succo di limone, l'olio, ed un pizzico di sale. Suddividete il composto negli avocado che disporrete in un piatto da portata aggiungendo su ognuno di essi un goccio di olio extravergine di oliva crudo ed una spolverata di pepe a piacere. Potete decorare il piatto con un letto di insalata.

LA RACCOMANDAZIONE DI OSTEMATTO: quando acquistate il pesce chiedete sempre conferma al pescivendolo che sia freschissimo e trattato in maniera adeguata da poterlo mangiare "crudo". Infatti per legge il pesce da consumare crudo deve subire un trattamento di congelamento a -20°C per almeno 24 ore. Questa operazione è importantissima perché permette di debellare il parassita Anisakis simplex frequentemente presente nel pesce crudo e causa di gravi disturbi gastrointestinali.

Pin It